L’ umidità di risalita capillare è una problematica che si manifesta nelle murature di edifici a contatto con il terreno, le cui mura non sono state isolate in maniera ottimale

Il fenomeno umidità da risalita

Che cosa è l’umidità da risalita capillare?

L’ umidità da risalita capillare è un problema che si manifesta nelle murature di edifici a contatto con il terreno.

Le molecole d’acqua che entrano in contatto con le mura tendono a penetrare all’interno e a salir verso l’alto a causa della forza di adesione elettrostatica, che è una caratteristica tipica delle molecole d’acqua.

Segni della presenza di umidità di risalita sono le fughe del pavimento che cambiano colore; distacco di pittura e intonaco dalle pareti e la comparsa di sali bianchi (salnitro); di uno sgradevole odore nell’ambiente e di funghi come le muffe.

Se il fenomeno e il flusso di risalita non vengono fermati, la problematica si presenta dopo ogni risanamento.

Il sistema OaSi interrompe questo flusso in maniera semplice, permettendo al muro di asciugarsi naturalmente e di essere ripristinato.

Quali sono le cause dell’umidità da risalita capillare?

L’umidità da risalita capillare è un flusso costante di molecole d’acqua che risalgono dal terreno verso l’alto sui muri ad un’altezza che varia fra 1 metro ed 1 metro e mezzo. Non appena gli intonaci si saturano di acqua, l’umidità a contatto con l’aria inizia ad evaporare disperdendosi nell’ambiente.

Questa continua evaporazione si riversa nell’aria all’interno dei locali dando inizio ad alcune problematiche. Con l’aumento dell’umidità nell’aria può avvenire la formazione di muffa, la quale può essere veicolo per patologie dannose.

Anche il comfort abitativo dal punto di vista del riscaldamento viene compromesso, in quanto un muro umido perde la sua capacità di isolamento. Tutto questo causa importanti dispersioni termiche e un incrementano delle spese di gestione.

L’umidità da risalita capillare è amplificata da uno squilibrio elettrico nella molecola d’acqua.

Questo è causato da campi magnetici; correnti elettrostatiche; onde radio (elettrosmog quindi) o dallo scorrimento delle falde acquifere sotterranee che crea una corrente elettrostatica.

Tra il pavimento e la parte bagnata più esterna del muro si crea una differenza di potenziale elettrico che può essere misurata con strumenti appositi. La corrente ascendente trasporta le molecole d’acqua più in alto di quanto dovrebbero salir per sola capillarità. Questa corrente è maggiore nella parte bassa del muro e diminuisce salendo verso l’alto, fino ad annullarsi.

CONTATTACI PER MAGGIORI INFORMAZIONI

Pin It on Pinterest

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione e offrire servizi in linea con le tue preferenze.
Chiudendo questo banner acconsenti all’uso dei cookie maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi